home     torna al calendario

 

Domenica 12 Giugno 2011

 

21ª Marcia dei Vigneti

 

Prato Ottesola di Lugagnano

 

Org. Gruppo Sportivo Ottesola

 

Domenica 12 Giugno 2011, si è svolta la 21^ Marcia dei  Vigneti, a Prato Ottesola di Lugagnano.

La partenza è dal sagrato della semplice e graziosa chiesa di San Donnino in stile neoromanico del tardo Ottocento, un tempio tributario della pieve arquatese (Castell’Arquato),esisteva già nel lontano 1192. Ora l’abitato è una piccola frazione del Comune di Lugagnano.

Le iscrizioni vengono effettuate da due graziose ragazze del posto, che oltre al cartellino elargiscono sorrisi a tutti.

Il percorso di km.3,5 è pianeggiante, i km 6 sono leggermente ondulati.

Il percorso di 12 km, dopo aver toccato l’abitato (denominato) Osteria di Montezago, entra nella stazione numero 4 della Riserva del Piacenziano, dove si può vedere una voragine ad anfiteatro con pareti scoscese di arenaria giallo pallido, in cui furono rinvenuti due scheletri di cetacei.

All’uscita dal sentiero denominato “FOSSA della BALENA”, girando a destra si raggiunge l’abitato di Diolo chiesa, sul crinale che divide la Val Chiavenna ad Est e la Val Chero ad Ovest, dopo il ristoro si scende a Casa Valle.

I percorsi sono stati modificati (causa mal tempo), in km 20 e 30, sopprimendo così i km 25.

Si scende a Tabiano al Ristorante-Pizzeria “Collina delle Fate”, dove è posizionato il primo ristoro, con torte casalinghe.

Si ritorna all’Osteria di Montezago per unificarsi al percorso dei 12 km, all’uscita della Fossa della Balena, i km 20 e 30 svoltano a sinistra per ritrovarsi poi in località Magnano al secondo ristoro.

La 20 km aggira l’abitato per prendere la strada per Diolo.

La 30 km prosegue costeggiando il castello di Magnano, che con la sua merlatura guelfa è uno dei più significativi esempi di fortificazione della nostra provincia.

Raggiungendo la Cantina dei Fratelli Gennari dove è allestito il terzo punto di ristoro, si prosegue per il Botteghino, Case Tassini, Genepreto, bivio per i Nicrosi dove è situato il quarto ristoro. Si raggiunge Travazzano, visualizzando il Castello Sidoli, per salire a Boffalora, e ci si ritrova di nuovo alla Cantina Gennari per il quinto ristoro. Si percorre la strada di Magnano per unirsi alla 20 e alla 12 km. fino a Diolo .

Quindi tutti a Casa Valle, ci si congiunge alla 6 km, per l’ultimo ristoro alla TORRICELLA.

L’edificio denominato è presumibilmente di origine medioevale, anche se purtroppo non si hanno molti cenni storici. Si pensa sia un antico maniero con torre di guardia e di veduta, probabilmente residenza di campagna. Non si può parlare di castello, in quanto priva di fortificazioni e di opere militari.

Tutti i percorsi raggiungono Prato Ottesola, dove al ristoro finale, focaccia, pane e lardo, pane e nutella, torte tipiche dolci e salate rinfrancano i partecipanti.

Sullo stesso piazzale, uno chef d’eccellenza offre una pasta veramente squisita , il tutto innaffiato da ottimo vino locale.

Il patrimonio vitivinicolo di cui dispongono i giovani organizzatori è di primordine e conserva i valori tramandati dai genitori, con tecniche aggiornate.

In un altro stand ottimamente attrezzato, alcune brillanti signore preparano al momento un prelibato sorbetto , che viene molto apprezzato e gustato.

La pioggia che durante la settimana, è caduta a fasi alterne ha alterato la sentieristica, e costretto gli organizzatori a variare i percorsi, aggiungendo purtroppo alcuni tratti in andata e ritorno su strada, cosa certamente non molto gradita ma indispensabile.

Alla mattina però uno splendido sole ha premiato gli sforzi di tanti e reso meno faticoso i percorsi.

                                                                         ANGELA

Una festa riuscita a Prato Ottesola di Wanda

 

il tavolo dei premi

il tavolo delle iscrizioni

 Questa bandiera rappresenta : i dodici stati aderenti all'Unità Europea dal 1952 al 1992. Nel 1992 in occasione dei festeggiamenti dei 40 anni dell'Unità, le 12 bandiere furono portate camminando, da Angela e Renato e tanti altri amici podisti, provenienti da varie città d'Italia, da Roma a Strasburgo per 850 km. >Gli stati aderenti erano : Italia, Germania, Francia, Lussemburgo, Belgio, Paesi Bassi Danimarca, Irlanda, Regno Unito, Grecia, Potogallo e  Spagna.

lo stand con le presentatrice che hanno preparato dei sorbetti ecc.

 

lo spazioso parcheggio, anche con brutto tempo

  la preparazione del ristoro finale

un regalo a tutti i bambini presenti

stand con specialità sarde

  immagini sul percorso

immagini del ritrovo

Meletti Germano

  birillo la bestia di Germano

la classifica

momenti della premiazione

omaggio alla campionessa dei 100 km del passatore

il gruppo Centro Lucca di Fiorenzuola

il grande grande Stefano

il gruppo degli organizzatori, a cui rivolgo un grazie personale

 l'ultimo nato di Prato Ottesola

 

Hit Counter