Home          www.piacenzamarce.it    

Per la rubrica "Dialogando"

 

LETTERA APERTA A LUCIANO VITALI, PRESIDENTE DEL G.M. GELINDO BORDIN DI PODENZANO

 

Carissimo Luciano, oggi a Grazzano Visconti mi hai contestato alcune cose sui miei scritti, onestamente riscorrendo il mio scritto sulla Marcia della Befana dello scorso 6 gennaio non ho trovato dove tu faccia riferimento, in quanto mi sembra di aver parlato sempre bene della manifestazione. Io non capisco dove tu possa vedere critiche a carenze organizzative, a parte il discorso delle premiazioni. Non vorrei essermi spiegato male, ma la mia ricerca del motivo per cui ho sbagliato strada in precedenti edizioni della stessa manifestazione non vuol dire che le critiche siano rivolte alla manifestazione di quest'anno. Per evitare queste situazioni ripetutesi in edizioni passate (non solo da parte mia) mi sono permesso di dare un consiglio, naturalmente tutto da verificare e valutare in quanto io non sono di Podenzano e non conosco carraie, sentieri o strade del circondario. Anche se le mie "pagelle" hanno un valore puramente simbolico, oltre che personale ed assolutamente discutibili, quando assegno tre 10 ed un 10 e lode su un totale di cinque voci, credo che sia inutile fare discussioni, mi sembra proprio lo specchio di quanto espresso. Per ciò che riguarda le premiazioni, caro Luciano, non puoi esimerti dal convenire con me di alcuni errori fatti nel gestire il montepremi: se tu avessi percorso una quarantina di chilometri all'andata ed altrettanti al ritorno, con un gruppo di una quindicina di persone (praticamente quello che successe a me ed al mio gruppo nella famosa edizione in cui premiasti solo 10 gruppi, non dare colpe ad altri: eri già tu il presidente, come mi hai confermato oggi, quindi se non è responsabilità del presidente, dimmi tu di chi può essere) e non fossi rientrato tra i premiati credo che ti incazzeresti; basterebbero le tre bottiglie di vino esemplificate nel dialogo fatto oggi a Grazzano per fare magari una bevuta in compagnia e l'organizzazione che te le ha elargite non è andata incontro a spese proibitive, non ti pare? Innanzi tutto, per rispetto del lavoro del tuo gruppo podistico, ho attribuito il calo del valore dei premi esposti al periodo di crisi che stiamo attraversando e non ho imputato al gruppo alcuna colpa in merito, se non quella di aver mancato di rispetto ai tre gruppi esclusi ingiustamente (sempre a mio modestissimo avviso) dalle premiazioni. In merito al da me sostenuto obbligo imposto dal Comitato Marce FIASP Piacenza di premiare i gruppi con almeno 10 iscritti, devo dirti che qualcuno di coloro che dovrebbero sapere queste cose mi ha confermato l'obbligo, altri mi hanno detto trattarsi di consiglio, quest'ultima ipotesi non l'avevo mai sentita prima, le mie specifiche richieste hanno trovato risposta solo nell'altra ipotesi, in ogni caso in nome di quel "rispetto del marciatore" da sempre da me considerato, credo che non occorra nessun obbligo per essere considerati ospitali, se poi consideriamo che con meno di 15 € (le esemplificate 9 bottiglie di vino) accontentavi tre gruppi che meritavano di essere premiati, in una marcia con 1.217 iscritti mi sembra che il bilancio non sarebbe stato minimamente intaccato. Addirittura tu, Luciano, ti sei lamentato del metro di giudizio diverso usato in altre manifestazioni, io non capisco a quali tu ti riferisca, fermo restando che mai ho avanzato certezze sulla mia infallibilità, credo che in una simile situazione sia tutto discutibile. Sì, Luciano, proprio tutto! Anche il commento (ancora visibile nella rubrica "Dialogando" in uno dei primi pezzi pubblicati con relativa mia risposta) che tu facesti alla mia esposizione, non ho ancora capito oggi dove stava il motivo della contestazione, visto che contestasti la mia frase: "..... un passaggio nel nuovo bel quartiere residenziale del paese potrebbe essere ritenuta una vetrina allo sponsor del gruppo che reca sulle magliette la scritta "la tua casa a Podenzano".....". Proprio in questo passaggio non capisco il tuo motivo di contestazione quando mi facesti l'esempio dell'eventualità se aveste avuto uno sponsor di lampadine si sarebbe dovuto passare davanti ad una centrale elettrica, ricordi? E ricordi anche quale fu la mia risposta? No, caro Luciano, non è questo il modo di dialogare, accetto di tutto e di più, ma non per partito preso, ma solo a ragion veduta; ti chiedo cortesemente di andarti a rileggere attentamente (ripeto: attentamente, io l'ho fatto) il pezzo riferito alla Marcia della Befana del 6 gennaio scorso, puoi telefonarmi quando vuoi per chiarire qualunque punto eventualmente non chiaro, poi ne parliamo. Naturalmente non ritengo commentabili le battute riferite: seria quelle rivolta al discorso del sindaco e scherzosa quella rivolta ai bambini che avete adottato a distanza, non commentabili perché non emesse da me, ma solo sentite e riferite, con lo scopo di sorridere la seconda e semplicemente per informare "sull'incidente diplomatico" (che è finito, come è giusto che sia, in una bolla di sapone). Grazie per l'attenzione e cordialissimi saluti a Luciano Vitali ed al suo gruppo, uno dei più meritevoli della provincia di Piacenza e a tutti coloro che hanno letto questo pezzo. Ciao a tutti,

 

Germano Meletti

 

Castione Marchesi di Fidenza (Parma) 9 marzo 2013

 

 

sei il visitatore n. Hit Counter