Home

 

13 giugno 2012 -- Ponteghiara di Fidenza (PR)

3ª CAMMINATA 50 SPECIAL

Org. G.P. Quadrifoglio

 

Ci sono molte cose in questo mondo che la mia testa non riesce a spiegarmi, una di queste è l'ormai annosa questione dei 50 centesimi, forse sarò petulante e ripetitivo, ma tale iniziativa fa acqua da tutte le parti. Al momento della (assurda) presentazione della lista dei nomi del mio gruppo, chi riceve l'iscrizione, personaggio assai noto sia in seno al suo gruppo che nel Comitato Marce Parma, sbotta e va su tutte le furie quando si accorge che di fianco ad uno dei venti nomi presentati (poi se ne aggiungeranno altri cinque) c'è un rettangolino bianco che dovrebbe contenere il numero di tessera FIASP relativo a quel nominativo, questo per un banale errore di stampa al quale non avevo fatto caso né io e neppure altri del mio gruppo, addirittura è dall'inizio dell'anno che quell'elenco viaggia così e non ci ha fatto caso nessuno di coloro che hanno ricevuto le iscrizioni nelle varie marce. Discussione assurda, giunta quasi sull'orlo della degenerazione (ormai mi conoscete e sapete bene quanto io sia intollerante in situazioni assurde), ma tutto questo per giungere a quale soluzione? Per dirmi che, visto che mancava del numero di tessera FIASP, sostituire quel nome con uno munito di numero e presente nell'elenco del gruppo, non importa se poi partiva una presente che non aveva fornito il nome e si iscriveva una persona non presente. Ma così si sono fatte le cose giuste? Se quella persona si fosse infortunata, come lo si spiegava a chi di dovere che nell'elenco il suo nome non compariva, sostituito da uno di persona non presente? Se si fosse infortunata la persona presente, ad iscrizione effettuata a suo nome, sarebbe stato molto facile spiegare dell'inconveniente e mostrando la tessera; ma non era meglio stare zitti, pur facendo presente l'assenza del numerino ed accettare comunque l'iscrizione, visto che oltretutto si tratta di persona conosciuta? E perché UISP, AICS e CSI non applicano assolutamente quella norma assicurando tutto con la sola quota dell'iscrizione a calendario? Misteri! Misteri che forse mai riuscirò a capire, misteri legati ad un mondo in cui si fa la cosa più semplice e più naturale che possa fare l'uomo: camminare.

Una leggerezza non tollerabile per un organizzatore, credo sia giusto dirlo, l'ha commessa il Prof. Giancarlo Chittolini, parte determinante dello staff organizzativo per ciò che riguarda la competitiva. Egli ha ripetuto più volte che la partenza della competitiva sarebbe stata spostata circa 400 metri più avanti, sotto allo striscione della Commercial Dado, fin qui ci siamo in quanto la ditta menzionata era sponsor della manifestazione, ma dettagliare per diverse volte tale spiegazione aggiungendo "di fronte al ristorante...." che non cito per correttezza in quanto nulla c'entra con la manifestazione sia competitiva che non, quando invece la Trattoria 50 Special che dà ampia collaborazione all'iniziativa, proprio come fa il padre del gestore nella manifestazione di Scipione Ponte, non è stata citata nemmeno una volta.

Chiamiamola semplicemente leggerezza, generata da una superficialità che troppo spesso incontriamo nelle marce verso coloro che veramente contribuiscono alla buona riuscita della manifestazione. Sul piano organizzativo direi che tutto è andato per il meglio, non è facile proporre una simile manifestazione, competitiva e non, in un pomeriggio di metà settimana, infatti ormai la manifestazione è legata ad un mercoledì di metà giugno. Il percorso è assolutamente gradevole, a parte il primo inevitabile tratto di strada, successivamente è praticamente tutta pista ciclopedonale. Tutto sommato non male il percorso, assolutamente al di fuori del traffico e tutto in piena campagna, interamente con vista sulle colline tra Salsomaggiore e Tabiano. Solo poche case si incontrano sul percorso, il verde è dominatore assoluto della scena, in lontananza ci giungono i rumori del traffico della strada Fidenza - Salsomaggiore che attraversa il centro del paese, il rumore del traffico giunge miscelato con la voce amplificata dello speaker. Per le premiazioni solito "stile Quadrifoglio" con pacchi alimentari per tutti. Riconoscimento individuale anch'esso nello stesso "stile Quadrifoglio" con una ricca borsa alimentare per soli 4 € e 2 € senza riconoscimento. Classifica gruppi: 1) Casone Noceto con 64 iscritti, 2) Marciatori Parmensi con 54, 3) G.S. Toccalmatto con 35, 4) Circolo Minerva Parma con 33, 5) Pubblica Assistenza Busseto con 25, 6) CUS Parma con 23, 7) Polisportiva Torrile e Atletica Manara Fontevivo con 21. In totale 17 i gruppi in classifica per un ammontare di poco meno di 700 iscritti.

 

Pagelle (voti da 4 a 10)

 

Percorsi: gradevole e vario, una sorpresa questa pista ciclopedonale, che dal centro del paese non lascia intravedere nulla. Voto 9

 

Servizi: tutto perfetto, tranne le inutili pignolerie all'iscrizione, che portano comunque ad una situazione irregolare al posto di una molto meno irregolare, praticamente "il facile reso difficile attraverso l'inutile". Credo inoltre che, soprattutto da parte dello speaker, meriterebbero maggior evidenza certi sponsor ed andrebbero taciuti coloro non hanno dato assolutamente nulla. Voto 9

 

Ristori: la sufficienza incontrata sui percorsi diventa assoluta abbondanza di proposte al ristoro dell'arrivo, marchiato in gran parte Trattoria 50 Special, praticamente la stessa cosa che succede a Scipione Ponte, dove protagonista ne è il padre, titolare della locale Trattoria Cavallo. Voto 10

 

Riconoscimento individuale: una ricca borsa di alimentari per 4 €, comprensiva di brioche e Coppa Malù Parmalat, per chi si è iscritto per 2 € i soli ristori e queste ultime. voto 10

 

Premiazioni gruppi: diciamo che l'evento della competitiva ha tolto qualcosa ai gruppi, pacchi comunque soddisfacenti. Voto 9.

 

Germano Meletti 

 

sei il visitatore n.Hit Counter