Home          www.piacenzamarce.it

 

Domenica 27 Aprile 2014

 

3ª Camminata "Conosciamo il Parco del Trebbia

 

Dedicato a GEV 2014

 

Quella ecologica è una vera e propria capacità di vivere con intelligenza la natura , come occasione di apprendimento e scoperta.  Così il GEV (Guardie Ecologiche Volontarie, corpo provinciale di Piacenza), con tutti i suoi iscritti, in collaborazione con Piacenza marce  ha organizzato per il 27 Aprile la :

3ª Camminata “Conosciamo il Parco del Trebbia” di 5 – 10 – 17 chilometri .

Le iscrizioni  dal centro informazioni turistiche di Rivergaro veniva effettuata dalle 8 alle 9,30.

La partenza, si effettuava sulla passeggiata creata sulla sponda destra del fiume Trebbia, per poter camminare e  ammirare con tranquillità lo scorrere delle sue acque ,( che in questi giorni risultano un po’ torbide, perché a Bobbio si è creata una frana), dopo breve attraversamento di fabbricati alla periferia di Rivergaro, si scendeva sul greto del fiume,  dove si incontrava la divisione dei percorsi, il corto dritto e gli altri a destra, per  ammirare il mulino Fava (vedi foto) la località Poggiolo quindi si arrivava al Trebbia, e percorrendo dei sentieritra la vegetazione si giungeva ad un luogo “meraviglioso”, un bellissimo panorama con sullo sfondo il Castello di Rivalta, il Monte Pillerone  il Castello di Statto e l’acqua del Trebbia che scorreva rumorosamente, che pace di natura inviolata,  percorrendo un tratto con sabbia finissima alternato con ciottoli,  si arrivava allo sbocco di Rio Cassa dove era sistemato il primo ristoro,  i percorsi si dividevano, i 10 km tornavano indietro mentre il percorso lungo dopo il guado del torrente procedeva per Roveleto Landi, loc. Cla Blatta, quindi costeggiando sempre il Trebbia  ammirando il castello di Rivalta per giungere  a  CA’ BUSCHI,  dove era posizionato il secondo ristoro.

Qui è ricordato con una lapide, il partigiano-alpino LEGGI, di 23 anni fucilato nel 1945.

Attraversando il piccolo centro si giungeva all’AULA BLU, centro didattico creato dal Consorzio di Bonifica, dal Museo Civico di Storia Naturale e dal Parco del Trebbia, per far conoscere il territorio e dare un’ampia e articolata educazione ambientale alle scolaresche che vi si alternano in visita, quindi si toccava la località di Mirafiori, (che anni fa rappresentava la spiaggia di tanti piacentini con un noto ballabile) proseguendo, la camminata ritornava al ristoro posizionato alla foce del Rio Cassa e ammirando il panorama dal Castello di Statto alle colline Piacentine e passeggiando sempre a contatto del Trebbia si giungeva al quarto ristoro per i 17 km, secondo per i 10 km, e unico per i 5 km quindi ci avviciniamo a Rivergaro percorrendo la pista ciclabile e ammirando un vecchio mulino restaurato, di proprietà privata, proprio di fronte a Groppazzolo  per poi ritornare sulla passeggiata e trovare il ristoro finale

Le premiazioni venivano effettuate da alcune autorità ed erano precedute da parole molto sentite dell’amico Enrico Albasi presidente delle Guardie Ecologiche di Piacenza, oltre ad essere un  sostenitore di chi crede nel valore dell’ambiente, che sappia garantire la qualità e il benessere del territorio in cui si vive, collabora attivamente come volontario della Protezione Civile di Piacenza,

SOLO se si rispetta la natura si può essere in pace con se stessi

Angela Lampredi

P.S. – nonostante il volantino dichiarasse che la manifestazione si sarebbe chiusa non oltre alle ore 11,00 (o per lo meno all’arrivo dell’ultimo partecipante ), una copia di coniugi si è presentata all’arrivo alle 13,00 scusandosi per il ritardo, ma dichiarandosi entusiasti del percorso, su cui si sono dilungati per poterne fotografare ogni scorcio. Anche loro venivano accolti con un sorriso.

 

Foto Vito n 1

 

 

Foto Vito n 2

 

 

 

 

 

sei il visitatore n.Hit Counter